In Italia: mercoledì 18 luglio 2018 - 21:54 - In Ecuador: mercoledì 18 luglio 2018 - 14:54 Naviga la versione in lingua italiana Naviga la versione in lingua spagnola
05/12/2017 news
Undicesima Missione in Ecuador: racconti di un viaggio/2

Dal 3 al 12 novembre 2017 si è svolta l’undicesima missione di scoperta e studio in Ecuador, organizzata insieme agli amici di banCODESARROLLO e del Fondo Ecuatoriano Populorum Progressio–FEPP con lo scopo di far conoscere le realtà delle Casse Rurali ecuadoriane e verificare sul campo lo stato di avanzamento del progetto Microfinanza Campesina.

Emozione, colore, calore, impegno alcune delle parole più ricorrenti nei racconti di viaggio. 
 

IL MIO VIAGGIO IN ECUADOR?

Il mio viaggio in Ecuador? E' l'incontro con un Paese dalla bellezza aspra e commovente, ma soprattutto con persone fuori dall'ordinario che vivono una vita semplice facendo cose straordinarie. Abbiamo incontrato Padre Antonio Polo a Salinas de Bolivar, Padre Pio Baschirotto a Zumbahua, Bepi Tonello con sua moglie Teresa ed i suoi figli, ma è nel giorno del Convegno che abbiamo compreso e condiviso l'importanza dirimente del modo in cui hanno scelto di vivere il loro quotidiano.

Il 6 ed il 7 novembre scorso si è svolto ad Ambato l'XI Convegno tra Ecuador ed Italia “Economia Popolare e solidale per promuovere lo sviluppo dei popoli”, nel 50' anniversario dell'enciclica Populorum Progressio (pubblicata il 26 marzo 1967) ed è questa già una significativa premessa di peculiarità.

Difatti, la predetta enciclica ha inciso in modo determinante nella dottrina della Chiesa sul lavoro e lo sviluppo dei popoli divenendo la direttiva ideale – ed attuale ancora oggi – per realizzare lo sviluppo attraverso la cooperazione, l'equa distribuzione delle risorse ed il volontariato a servizio delle persone.

Il FEPP fondato nel 1970 da Monsignor Candido Rada – ha fatto propri questi principi e sotto la guida di Bepi Tonello per quaranta anni se ne è fatto interprete concreto, creando la cooperativa “Desarrollo de los Pueblos Codesarrollo” divenuta cooperativa di credito Bancodesarrollo.

Quindi l'XI Convegno è stato un incontro con una realtà viva, emozionante ed in evoluzione in cui il FEPP - sotto l'attuale guida forte e illuminata di Luis Hinojosa - e Bancodesarrollo - con Bepi Tonello – continuano una proficua esperienza di sinergia che porta sviluppo economico e sociale nelle comunità in cui operano generando concrete opportunità di cambiamento.

Tale impegno è stato egregiamente riassunto nel tema del Convegno: “El desarrollo es nuevo nombre de la paz”. Un'affermazione di grande forza su cui i partecipanti hanno riflettuto ritenendolo unanimemente ineludibile. Padre Gigi Ricchiardi, in un intervento toccante ed indimenticabile, ha indicato la strada di questa realizzazione affermando che la Populorum Progressio guardando alle prospettive di un mondo che cammina verso lo sviluppo di tutti, afferma che questo richiede “generosità, sofferenza tollerata spontaneamente e uno sforzo continuo partendo da cambiamenti personali da parte di coloro che sinceramente cercano e lottano per renderla realtà”.

L'Ecuador in tale ambito appare un esempio vivo, forte e commuovente di concretizzazione di tali principi.

Le realtà del credito cooperativo che lì operano e le attività che beneficiano dei loro finanziamenti sono esempi concreti di cooperazione vissuta che diventa motore di sviluppo nel rispetto dell'uomo, dell'ambiente e soprattutto dei principi di giustizia sociale come l'accesso al credito a condizioni eque unitamente ad una giusta retribuzione. Difatti, come afferma Padre Gigi “un mondo con poveri meno poveri è possibile solo con ricchi meno ricchi”.

In Ecuador, insomma, ci si trova immersi in un laboratorio fecondo della cooperazione portata avanti quotidianamente da persone generose, sagge, modeste e sorridenti, il cui “fare” da tanti anni cambia la vita delle persone che diventano loro stesse motori di crescita delle loro famiglie e delle loro comunità: mettere la persona al centro di ogni progetto è il loro impegno.

Ecco quindi - al di là della collaborazione economica, pur fondamentale per la realtà dell'Ecuador - l'elemento comune con il mondo delle Bcc italiane: la possibilità di dare concrete opportunità di crescita al socio ed al territorio nel rispetto della mutualità!

Le Bcc sono cooperative di credito a cui la riforma non impedirà di mantenere i propri valori identitari. Anzi! La partecipazione ad un Gruppo capace di generare economie di scala, di assicurare il funzionamento delle garanzia incrociate di adempiere agli obblighi in materia di controlli, libererà energie e professionalità che potranno essere dedicate in modo ancor più impegnato al servizio dello sviluppo dei soci e del territorio. Questa missione deriva – analogamente a quanto accade per le consorelle in Ecuador – dal DNA delle Bcc, aziende di credito i cui valori sono peculiari nel mondo bancario: differenti ed orgogliose di esserlo.

Tutti noi possiamo quindi affermare “la mia Banca è differente ...può e deve continuare ad esserlo” perché la sua missione è lo sviluppo e “lo sviluppo è il nuovo nome della Pace”.

Gabriella Straccia –  BCC Picena, vincitrice del Premio Lia Zaccardi

piedino
© 2001 - Progetto Ecuador Microfinanza Campesina
Privacy | Cookie Policy
Powered by Iccrea Banca SpA