In Italia: giovedì 8 dicembre 2016 - 10:47 - In Ecuador: giovedì 8 dicembre 2016 - 03:47 Naviga la versione in lingua italiana Naviga la versione in lingua spagnola
20/09/2006 news
Seconda missione di Archenatura in Ecuador
Giulio Napolitano, responsabile di Archenatura, e Alberto Gritti, tecnico agrario, hanno effettuato la seconda missione nell'ambito del Progetto Agricolo, un progetto portato avanti dalla Fondazione Tertio Millennio

 agricoltura andina
Giulio Napolitano
, responsabile di Archenatura, e Alberto Gritti, tecnico agrario, hanno effettuato la seconda missione nell'ambito del Progetto Agricolo, un progetto portato avanti dalla Fondazione Tertio Millennio

 

Cosa si intende esattamente per "Finca Integral?"
Il termine indica una famiglia contadina che possa disporre in modo integrato di coltivazioni di cereali e di ortaggi, di piccoli animali domestici come galline, conigli, cuyes (porcellini d'india) e di mucche, capre o suini, sia per la produzione di materie prime come latte e carni ma anche, per realizzare prodotti come formaggi o insaccati. Il tutto, dove possibile, attraverso sistemi di coltivazione biologici: la finca deve avere un ciclo di vita autonomo e continuo, per esempio avendo i coltivi giusti per nutrire in modo corretto non solo le persone ma anche gli stessi animali.

Da dove nasce l'idea delle "Fincas Integrales"?
È frutto dell'esperienza che il FEPP nel tempo ha maturato e cercato di sviluppare nei territori più poveri e difficili dell'Ecuador. Come tutte le idee semplici essa è frutto di un processo di elaborazione lungo e complesso al quale siamo lieti di aver collaborato e partecipato. Il nostro piccolo progetto ha avuto infatti come primo importantissimo risultato l'aver contribuito, con una forte spinta, a far maturare questa idea nella organizzazione del FEPP.

Che problemi avete riscontrato?
Uno dei principali problemi delle fincas è la cattiva qualità delle sementi. Si tratta di una questione fin'ora non affrontata dai tecnici del FEPP, più concentrati invece sulla selezione delle piante native per la riforestazione e per la creazione di microclimi all'interno delle Fincas. Ma a questo punto anche loro concordano che la priorità è rappresentata proprio dalle sementi. E' un tema difficile, perchè richiede un lungo lavoro di selezione dei semi, attività che, ad esempio, in Europa è portata avanti da grandi centri di ricerca privati e pubblici. La nostra proposta è di fare in modo che all'interno delle singole "fincas integrali modello" si sperimentino delle selezioni semplici e pratiche sugli ortaggi e che nel tempo le selezioni effettuate vengano utilizzate anche per i coltivi dei vicini. 

Ci sono stati miglioramenti rispetto a un anno fa?
Senz'altro. Certo, ci sono anche casi di 'fallimenti', di Fincas che sono uscite dal progetto (a volte solo temporaneamente) perchè, ad esempio, morose nei confronti di Codesarrollo. Sappiamo bene che i tempi di sviluppo in una realtà come quella dell'Ecuador sono lunghi e complessi, ma abbiamo trovato la gente più consapevole, e quindi più volenterosa di cambiare.
Il modello pratico della Fincas è sempre più apprezzato e richiesto. Si tratta di una proposta partita in alcune aree 'pilota' ed ormai estesa a tutte le province dell'Ecuador dove opera il FEPP.

piedino
© 2001 - Progetto Ecuador Microfinanza Campesina
Privacy | Cookie Policy
Powered by Iccrea Banca SpA