In Italia: venerdì 9 dicembre 2016 - 12:38 - In Ecuador: venerdì 9 dicembre 2016 - 05:38 Naviga la versione in lingua italiana Naviga la versione in lingua spagnola
17/09/2007 news
Il sapore ‘amaro’ dell’ “oro verde”

Bananeros. Viaggio nelle piantagioni di banane tra sfruttamento e libertà
Il sapore ‘amaro’ dell’ “oro verde”

bananeros.JPG“Un chilo di banane in offerta: 1,40 euro (ma anche meno in certi periodi), nonostante una catena di produzione lunga, complessa e un viaggio transoceanico. Un chilo di mele del Trentino: più o meno lo stesso prezzo, ma molta meno strada alle spalle. Come è possibile?”. Questa la domanda che Davide Musso si pone come punto di partenza per un reportage dall’Ecuador che ha trasformato in un libro: “Bananeros. Viaggio nelle piantagioni di banane tra sfruttamento e libertà”.

Le banane sono tra i prodotti agricoli più consumati al mondo, con un giro d’affari di oltre 4 miliardi di dollari, per lo più in mano a poche multinazionali. È l’Ecuador il primo esportatore di ‘oro verde’ (terza voce d’entrate dopo petrolio e rimesse). Ed è da Machala, capitale di El Oro (una provincia dell’estremo sud ecuadoriano), che arriva un terzo della produzione totale del Paese.
Da qui parte Musso per descrivere un viaggio: quello appunto delle banane, dalla piantagione al supermercato. Salari da poche manciate di dollari, lavoro minorile, scarsa sicurezza sul lavoro, danni alla salute per il continuo contatto con i pesticidi, contratti collettivi e sindacati (forzatamente) inesistenti. Del prezzo finale delle banane vendute nei nostri supermercati, ai dipendenti delle piantagioni arriva al massimo il 3%. “Un sapore che, al di là di facili e abusati slogan, sa davvero di sfruttamento”.

“Ma l’America Latina è anche il continente dell’alternativa, sono sempre di più i produttori che riescono a vendere la loro frutta a organizzazioni di commercio equo e solidale. E l’Ecuador è tra i pionieri”. L’autore invita allora ad un altro viaggio, parallelo al primo, tra associazioni e cooperative di piccoli produttori, dove si spuntano prezzi superiori al mercato e per ogni cassa venduta si ottiene il “social premium” di 1 dollaro da destinare a iniziative in favore di lavoratori e ambiente, dove il machete sostituisce i prodotti chimici e anche una semplice tettoia costruita sopra la comedora (la mensa) può cambiare la vita dei bananeros.

Bananeros. Viaggio nelle piantagioni di banane tra sfruttamento e libertà
a cura di Davide Musso, con prefazione di Francesco Gesualdi
Terre di Mezzo ed. - Altreconomia
Euro 7.50


piedino
© 2001 - Progetto Ecuador Microfinanza Campesina
Privacy | Cookie Policy
Powered by Iccrea Banca SpA