In Italia: venerdì 9 dicembre 2016 - 12:37 - In Ecuador: venerdì 9 dicembre 2016 - 05:37 Naviga la versione in lingua italiana Naviga la versione in lingua spagnola
24/03/2011 news
Ecuador: rimesse nel IV trimestre 2010

Il Banco Central dell'Ecuador ha condotto un’indagine delle rimesse familiari inviate dai migranti ecuadoriani verso il proprio paese di origine relativa al quarto trimestre del 2010.
Lo studio ha registrato un introito di USD 605,50 milioni , con una diminuzione del 10,3% rispetto allo stesso periodo del 2009 (USD 675,20 milioni) e del 1,1% per quanto riguarda il terzo trimestre del 2010 (USD 612,00 ).
L’importo delle rimesse consolidato nel 2010 ha raggiunto USD 2.324,00 milioni, che paragonato a quello presentato nel 2009 (USD 2495,40 milioni ) ha subito una caduta di USD 171,40 milioni , ossia un’oscillazione negativa del 6,9%.

Visto il modesto contesto economico internazionale, la diminuzione delle rimesse in Ecuador durante il quarto trimestre del 2010 si attribuisce al disimpegno dell’economia americana e spagnola, pesi nei quali risiedono la maggior parte degli emigranti ecuadoregni.
La Spagna, per il secondo trimestre consecutivo, si posiziona come il primo paese da cui provengono le rimesse pervenute in Ecuador e, nell’ultimo trimestre dello scorso anno, ha raggiunto 43% dell’importo totale ricevuto, mentre gli USA il 41,0%, l’Italia l’8,3 % ed il resto del mondo il 7,7%.

In questo scenario, risulta curioso notare come, nel periodo in esame, le rimesse inviate dalla Spagna, al di là di ogni previsione, non sono diminuite: a quanto pare gli emigranti ecuadoriani si adattano alla crisi economica lavorando nell’economia informale per far fronte alle proprie necessità finanziarie e continuare ad inviare denaro (rimesse) al proprio paese.
Altra annotazione riguarda la diminuzione del flusso delle rimesse proveniente dagli Stati Uniti: questa si attribuisce agli eccessivi controlli a cui sono soggetti gli emigranti dalla polizia migratoria statunitense e di alcune misure restrittive imposte alle aziende di certi Stati per combattere il lavoro nero.

Durante il quarto trimestre del 2010 le rimesse pervenute in Ecuador sono state realizzate per il 53.6% (USD 324,4 milioni) del totale tramite i money transfer e liquidate ai beneficiari in contanti. Le banche hanno realizzato il 44,2% (USD 267,5 milioni) con accredito su conti correnti e/o di risparmio e infine le cooperative di risparmio e credito e associazione mutualistica il 2,2% (USD 13,6 milioni) con accredito in conti di risparmio.
La distribuzione del flusso delle rimesse per provincia, mette in evidenza una costante concentrazione della ricezione di questo rubro , da parte della provincia de Guayas (USD 180,4 milioni), Azuya (USD 118,30 milioni )e Pichincha (USD 105,1 milioni ), che insieme rappresentano il 66,7% del totale delle rimesse ricevute dal paese.
Una riflessione anche sulle rimesse che sono state originate in Ecuador e che hanno raggiunto vari Paesi del mondo (Colombia, Perù, Cuba, Cina, etc…) che durante il quarto trimestre del 2010 hanno otrepassato USD 16,8 milioni,.il 22,9% in meno rispetto al quarto trimestre del 2009 quando raggiunsero USD 21.8 milioni.

(RDM - migrantiebanche@yahoo.it)

piedino
© 2001 - Progetto Ecuador Microfinanza Campesina
Privacy | Cookie Policy
Powered by Iccrea Banca SpA