In Italia: giovedì 8 dicembre 2016 - 01:09 - In Ecuador: mercoledì 7 dicembre 2016 - 18:09 Naviga la versione in lingua italiana Naviga la versione in lingua spagnola
Diario di viaggio

Prima Missione Giovani - Diario di viaggio

 
31/08/2010
Primo viaggio giovani in Ecuador per scoprire il valore della cooperazione internazionale
Grazie allo stimolo e al sostegno del Credito Trevigiano,  la Federazione Nazionale delle BCC (Federcasse), il Fondo Ecuadoriano Fepp e Codesarrollo hanno organizzato la prima missione giovani in Ecuador, destinata a soci e figli di soci al di sotto dei 30 anni, tutti accomunati da un particolare interesse per i temi della solidarietà e del microcredito.
 
Il movimento del Credito Cooperativo partecipa attivamente da anni ad un grande progetto di cooperazione internazionale con l’Ecuador che vede come protagonisti in Italia 160 BCC.
 
Oggi viene data l’opportunità ad un gruppo di 25 giovani di effettuare un viaggio alla scoperta di luoghi e persone, ambienti e realtà che hanno potuto conoscere grazie ai racconti e alle foto dei loro genitori, soci e amministratori del Credito Trevigiano che prima di loro hanno visitato l’Ecuador nell’ambito del progetto di Microfinanza Campesina
 
Il viaggio durerà dal 2 al 13 settembre 2010.
 
Accanto al programma ‘turistico’, saranno trattati i temi della realtà sociale, economica, politica, religiosa, culturale dell’Ecuador, visitando molte popolazioni e realtà produttive locali.
 
Si tratta di una esperienza formativa per i nostri giovani, una possibilità di capire il significato profondo di “bisogno e povertà”, toccando con mano cosa significa “solidarietà” e “cooperazione” e quali frutti questi sono in grado di produrre.
Per certi versi si tratta anche di un viaggio alla scoperta delle origini del modello di cooperazione che hanno vissuto i nostri padri in Italia oltre cento anni fa.
 
Le attese dei giovani sono tante, la loro voglia di conoscere, vedere, sentire, toccare si esprimono così:
 
MICOL
Voglio conoscere la popolazione e la cultura ecuadoriana e approfondire, in particolar modo, i temi legati alla cooperazione internazionale nel paese.
 
PAOLO
Sono contento di fare questa esperienza perchè desidero vedere personalmente una realtà e un modo di vivere diversi da quelli a cui sono abituato.
 
ARIANNA
Ho deciso di prendere parte alla missione in ecuador vogliosa di conoscere una realtà molto diversa da quella italiana, sicura inoltre di tornare arricchita di valori e conoscenze!
 
ENEA
Osservare la realtà di un Paese diverso dal mio, capire da dove derivano i problemi economici e sociali di una zona così ricca di risorse naturali e culturali, apprendere le tante cose belle che la gente locale può insegnarci, confrontarmi e discutere con i giovani della mia stessa età e cultura sulla realtà che vedremo per operare in un futuro prossimo a favore delle popolazioni svantaggiate dell’Ecuador
 
SERENA
Voglio rendermi parte attiva in un esperienza di cooperazione, condivisione, sviluppo, scambio. Per donare, ricevere e ri-donare.
 
GIULIA 
Sono entusiasta e molto incuriosita da questa esperienza che mi permetterà, anche solo per qualche giorno, di conoscere una quotidianità del tutto nuova e diversa rispetto a quella che vivo...!
 

E c’è tra i giovani ancheuna bellissima storia: Vanessa nata in Ecuador, in Italia fin da piccola, ora adulta, per la prima volta torna nel suo Paese di origine.


I giovani del Credito Trevigiano con al centro il presidente Nicola Di Santo e, a sinistra, il vice direttoregGenerale Gioachino Basso (accompagnatore del gruppo) riuniti prima della partenza per l’Ecuador.

piedino
© 2001 - Progetto Ecuador Microfinanza Campesina
Privacy | Cookie Policy
Powered by Iccrea Banca SpA