In Italia: giovedì 8 dicembre 2016 - 01:03 - In Ecuador: mercoledì 7 dicembre 2016 - 18:03 Naviga la versione in lingua italiana Naviga la versione in lingua spagnola

Il progetto

Basato su elementi quali reciprocità, partecipazione, scambio di risorse, formazione, il progetto ‘Microfinanza Campesina’ del Credito Cooperativo italiano in Ecuador costituisce un’iniziativa di successo, riconosciuta a livello internazionale come un nuovo modello di cooperazione per combattere la povertà nei paesi in via di sviluppo.
logo codesarollo marzo
Il Progetto, attivo da quasi 15 anni, è basato sull'Accordo di cooperazione culturale e finanziaria siglato nel 2002 e rinnovato nel 2012 tra Federcasse - a nome del Credito Cooperativo italiano - e banCODESARROLLO, realtà bancaria (cooperativa fino al 2014, oggi spa) che si dedica a favorire l'accesso al credito alle fasce più povere della popolazione. BanCODESARROLLO è una emanazione diretta del Fepp, il Fondo Ecuatoriano Popolorum Progressio, nato negli anni ’70 su ispirazione della Conferenza Episcopale del Paese Latino Americano.

L’impegno del Credito Cooperativo italiano a favore di banCODESARROLLO per lo sviluppo della finanza popolare in Ecuador – attraverso il Progetto “Microfinanza Campesina”– prosegue da anni con sempre maggiore convinzione e concretezza. A maggio 2016 il contributo erogato tramite pool da oltre 220 Banche di Credito Cooperativo-Casse Rurali (BCC-CR), e dalle strutture centrali del movimento, è di quasi 53 milioni di dollari. Se si sommano anche i numerosi singoli finanziamenti erogati per specifiche iniziative, il contributo complessivo supera i 55 milioni di dollari. Totale che arriva a oltre 61,6 milioni di dollari considerando anche i crediti erogati da alcune BCC-CR al FEPP.
 

ecuador - infografica

I finanziamenti a banCODESARROLLO vengono generalmente erogati in pool coordinati dalle Federazioni Locali delle BCC.

Ad ogni pool è assegnata una precisa destinazione; il pool delle BCC della Federazione Lazio Umbria Sardegna, ad esempio, è destinato alla costituzione del fondo di credito di due nuove succursali di Codesarrollo, aperte nei quartieri popolari poveri del sud e dell’est di Quito, dove ancora arrivano molti emigranti dalle campagne. Le risorse erogate dalle BCC siciliane servono a sostenere progetti di commercializzazione ed esportazione di prodotti agroalimentari di qualità. Attraverso questa nuova linea di credito si vogliono aiutare le famiglie campesine ecuadoriane ad ottenere quei requisiti di commerciabilità necessari ad accedere ai mercati nazionali ed internazionali legati al commercio equo e solidale.

Altri pool sono legati allo sviluppo dei territori delle zone di confine dell’Ecuador (Friuli Venezia Giulia), all’imprenditorialità familiare (Marche), giovanile (Toscana) e femminile (Emila Romagna), all’acquisto ed alla legalizzazione delle terre da parte dei campesinos (Veneto) e a favore degli indigeni che popolano le foreste amazzoniche dell’Ecuador (Bolzano), alla costruzione di nuove case campesine (Piemonte).

ecuador schema datiI finanziamenti erogati sviluppano importanti moltiplicatori sociali, ampliando le possibilità di credito per le circa 150.000 famiglie assistite dal FEPP e da Codesarrollo.

In particolare, si può stimare che i pool delle BCC-CR dal 2007 al 2012 hanno permesso ad oltre 12.000 donne ecuadoriane di ricevere prestiti per un totale di oltre 45 milioni di dollari, hanno favorito nelle piccole comunità la costruzione di oltre 2.000 nuove case e la ristrutturazione di altre 1.800, hanno facilitato l’acquisto di 5.400 ettari di terra (per un valore totale di oltre 12 milioni di dollari) e la legalizzazione comunitaria di quasi 90.000 ettari. 

Il programma, oggi il più grande progetto di sviluppo realizzato in Ecuador con fondi privati, è diventato un “caso di scuola” per chi vuole conoscere la tecnica e le caratteristiche del microcredito.
Grazie anche a questo importante programma, che ha sensibilizzato negli anni gran parte del mondo economico ed istituzionale locale, nella nuova legislazione bancaria, nonché nella nuova recente Costituzione della Repubblica dell’Ecuador hanno trovato riconoscimento formale, per la prima volta, i sistemi bancari locali cooperativi (“finanzas populares”).

Nel corso degli anni, a favore del Progetto sono stati definiti altri sotto programmi che hanno visto coinvolto, con diverse modalità, l’intero sistema del Credito Cooperativo italiano. 
Di fondamentale importanza il contributo del Credito Cooperativo italiano alla capitalizzazione di banCODESARROLLO: una ventina di BCC (o realtà a queste associate) detengono oltre il 30% delle azioni di banCODESARROLLO, corrispondenti a circa 3 milioni di dollari.

UN PROGETTO COMPLETO

Il progetto di sostegno a Codesarrollo, ed al sistema nascente di casse rurali, è completo perché ha queste caratteristiche:
  • vi è una dimensione bancaria di primo livello, che in Italia può coinvolgere le singole banche di credito cooperativo, dal punto di vista finanziario, di consulenza e di trasferimento di Know how, già attivati in fase iniziale;
  • c'è la valenza sistemica del secondo livello, che per complessità, capacità, esperienza che si deve mettere in campo, coinvolge la struttura di secondo livello del movimento nazionale del credito cooperativo;
  • c'è una parte produttiva-commerciale legata al sostegno dei produttori attraverso la rete del commercio equo e solidale ed i progetti collegati di sviluppo;
  • c'è l'approccio rigoroso, scientifico della Banca d’Italia;
  • c'è una dimensione educativa alla finanza etica e di attivazione di nuove forme di solidarietà.

UN PROGETTO ORIGINALE

Il progetto, così come delineato, si caratterizza per una sua originalità rispetto al panorama variegato dell'aiuto al sud del mondo fondamentalmente per tre ragioni:
  1. si esce da una logica assistenzialistica. Il sostegno economico ed il trasferimento di know how mirano a potenziare una realtà eticamente orientata che rispetta le regole del mercato ed è in grado di mantenersi, crescere e contribuire al miglioramento delle condizioni di vita attraverso il sostegno alle attività economiche produttive;
  2. il progetto è completo in tutto il ciclo economico, ed è aperto ai contributi pratici, al di là del sostegno finanziaro, che altre realtà possono dare;
  3. sostenere Codesarrollo significa andare alla radice dei valori fondanti del credito cooperativo ed evidenziare, soprattutto in Italia, le peculiarità, la funzione positiva che le casse rurali hanno svolto e continuano a svolgere. In definitiva è un modo concreto ed originale per riaffermare i tratti assolutamente originali del movimento del credito cooperativo, di un uso etico della finanza per una economia al servizio dell'uomo.
piedino
© 2001 - Progetto Ecuador Microfinanza Campesina
Privacy | Cookie Policy
Powered by Iccrea Banca SpA